Crepiera ideale, vediamo che materiali e che potenze presenta

Diciamo che quando dobbiamo scegliere la crepiera, oltre a preoccuparci delle dimensioni, vanno considerati i materiali di realizzazione della piastra che rappresentano un fattore molto importante rispetto a tante altre, dato che incidono sul tempo di cottura, ma anche sulla propagazione omogenea del calore, e sulla semplicità di pulizia stessa della crepiera. In commercio sono tre i materiali che solitamente vengono adoperati: la ghisa lavorata, la ghisa smaltata, e anche l’alluminio rivestito da uno strato di materiale antiaderente, spesso il teflon. Diciamo che sotto molti punti di vista il migliore tra questi materiali è certamente il primo, dato che è resiste più a lungo e riscalda in maniera uniforme, oltre a poterci garantire una maggiore velocità nella cottura. Questo spiega il motivo per il quale la ghisa lavorata costituisce anche un materiale di cui più ci si serve nel settore della ristorazione, ovviamente perché regge meglio i continui utilizzi e permette un risparmio nei tempi e nei costi di manutenzione. Senza andare a trascurare il fatto che se viene trattata con cura può durare praticamente in eterno. Per un uso prettamente domestico della crepiera possiamo anche accontentarci della ghisa smaltata e del teflon sono i materiali maggiormente adoperati, e sono anche più economici. Entrambi i materiali comunque in ogni caso ovviamente richiedono qualche piccolo accorgimento e una piccola manutenzione per avere un risultato sempre ottimale. Quindi è bene ungere anche i materiali in modo tale da impedire la formazione di bolle sulla superficie delle crêpes, e regolare mediamente la temperatura affinché le crêpes non si brucino.

Altra caratteristica importante per scegliere la crepiera è quella della potenzalla crepiera. La potenza è un fattore che influisce anche sulla capacità del dispositivo di riscaldarsi rapidamente e quindi di ottimizzare i tempi di realizzazione delle crêpes in generale.

Un prodotto che è destinato ad un utilizzo esclusivamente domestico ha anche una potenza compresa tra i 1000 e i 2000 W, mentre uno professionale o semi-professionale può raggiungere specialmente i 3000 W. La scelta perciò sarà strettamente dipendente da quelle che sono le proprie necessità specifiche di cucina, un uso frequente rende a tutti i conti necessario l’acquisto di una crepiera potente. Consultate il sito www.sceltacrepiera.it per avere maggiori informazioni.

Crepiera ideale, vediamo che materiali e che potenze presenta
Torna su